13 settembre 2022

Recensione "Arrocco siciliano" di Costanza DiQuattro - Baldini + Castoldi

 

 
Arrocco siciliano * Costanza DiQuattro * Baldini + Castoldi * pagg. 304






È l'alba del Novecento, a Ibla, lì dove la vita scorre fiacca sulla campagna stanca; lì dove si accalcano notabili tronfi, mogli tradite e poveri diavoli; lì dove la farmacia Albanese, per tutti «molto più di una chiesa», di colpo rimane orfana di colui che da tanti anni la amministra con riserbo monastico. Quando a succedergli accorre da Napoli un giovane senza passato, accolto da ostilità e diffidenza che piano piano si sciolgono in un cauto abbraccio, il paese prende a pulsare e la farmacia a rivivere.

08 settembre 2022

Recensione "L'inaffondabile Greta James" di Jennifer E. Smith - Feltrinelli

 



L'inaffondabile Greta James * Jennifer E. Smith * Feltrinelli * pagg.304





Greta James non affonda mai. Musicista indie entusiasta e caparbia, non c'è ostacolo che non sia pronta a superare. Dopo essersi lasciata alle spalle gli anni della gavetta, è a un passo dal lancio del suo album più importante quando un'onda improvvisa la travolge.

07 settembre 2022

Recensione "La stanza delle mele" di Matteo Righetto - Feltrinelli

 


LA STANZA DELLE MELE * Matteo Righetto * Feltrinelli * pagg. 240








È l'estate del 1954, Giacomo Nef ha undici anni e con i due fratelli maggiori vive dai nonni paterni a Daghè, sulle pendici del Col di Lana, nelle Dolomiti bellunesi. "Tre case, tre fienili, tre famiglie." I bambini sono orfani e l'anziano capofamiglia li tratta con durezza e severità, soprattutto il più piccolo. Il nonno è convinto infatti che Giacomo sia nato da una relazione della nuora in tempo di guerra e lo punisce a ogni occasione, chiudendolo a chiave nella stanza delle mele selvatiche.

03 settembre 2022

Recensione "Non è al momento raggiungibile" di Valentina Farinaccio - Mondadori

 


NON È AL MOMENTO RAGGIUNGIBILE * Valentina Farinaccio * Mondadori * pagg. 180







Quando qualcuno che incontri di persona per la prima volta ti dice che sei molto fotogenica non è un complimento. Vittoria, poco meno di quarant'anni, una relazione finita alle spalle e una riservatezza che sta per diventare solitudine, se lo sente ripetere spesso.

20 agosto 2022

Recensione "Creature luminose" di Shelby Van Pelt - Mondadori

 






Creature luminose * Shelby Van Pelt * Mondadori * pagg.396






Tova Sullivan lavora per l'Acquario di Sowell Bay, una tranquilla cittadina nei pressi di Seattle: pulire i pavimenti durante le ore serali in compagnia delle creature che si muovono silenziose nelle vasche la aiuta a combattere la solitudine dopo la scomparsa di suo figlio Erik, quando era solo un ragazzo. La principale attrazione dell'acquario è Marcellus, un polpo gigante del Pacifico, che dalla sua vasca sembra osservare attento ogni mossa di Tova. Una sera, mentre sta passando lo straccio nell'ufficio del personale, Tova scorge Marcellus impigliato nei fili della corrente e delicatamente cerca di liberarlo.

18 agosto 2022

Recensione "Le ossa parlano" di Antonio Manzini - Sellerio editore

 


Le ossa parlano * Antonio Manzini * Sellerio editore * pagg. 416








Un medico in pensione scopre nel bosco delle ossa umane. È il cadavere di un bambino. Michela Gambino della scientifica di Aosta, nel privato tanto fantasiosamente paranoica da far sentire Rocco Schiavone spesso e volentieri in un reparto psichiatrico, ma straordinariamente competente, riesce a determinare i principali dettagli: circa dieci anni, morte per strangolamento, probabile violenza. L'esame dei reperti, un'indagine complessa e piena di ostacoli, permette infine di arrivare a un nome e a una data: Mirko, scomparso sei anni prima. La madre, una donna sola, non si era mai rassegnata. L'ultima volta era stato visto seduto su un muretto, vicino alla scuola dopo le lezioni, in attesa apparentemente di qualcuno.

03 agosto 2022

Recensione "Un giorno" di David Nicholls - Neri Pozza

 



Un giorno * David Nicholls * Neri Pozza * pagg. 487










È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, l'indomani lasceranno l'università. È il 15 luglio 1988, e per la prima volta Emma e Dexter si amano e si dicono addio. Lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza, sempre consapevole dei suoi privilegi, delle sue possibilità economiche e sociali. Ad attendere Emma è invece un ristorante messicano nei quartieri nord di Londra, nachos e birra, una costante insicurezza fatta di pochi soldi e sogni irraggiungibili. Ma per loro il 15 luglio rimarrà sempre una data speciale.

17 luglio 2022

Recensione "Dolce nero" di Charmaine Wilkerson - Frassinelli

 


Dolce nero * Charmaine Wilkerson * Frassinelli * pagg. 375






Byron e Benny, fratello e sorella, non si parlano da anni. A riunirli nella casa di famiglia in California è una triste circostanza: la morte della madre, Eleanor Bennett. La donna ha lasciato ai figli una insolita eredità: un lungo messaggio vocale, che dovranno ascoltare insieme, e un dolce tipico dei Caraibi, da condividere «quando sarà il momento». Il racconto registrato dalla madre è un salto indietro nel tempo: fino agli anni Sessanta, a un'isola caraibica, alla storia di una ragazza risoluta che amava nuotare e osava sfidare le onde più alte del mare. È un intreccio struggente di fughe e nuovi inizi, legami che salvano e abbandoni che spezzano il cuore. È la scoperta di una verità a lungo nascosta che mette in discussione tutto ciò che Byron e Benny credevano di sapere dei loro genitori.

14 luglio 2022

Recensione "La gazza" di Elizabeth Day - Neri Pozza

 

La gazza * Elizabeth Day* Neri Pozza * pagg. 400







La porta grigia, i mattoni del colore delle nocciole tostate, la strada alberata e silenziosa per Londra, il quartiere ben frequentato: una casa perfetta per Marisa, illustratrice di libri per ragazzi, il rimedio a tutto ciò che nella sua vita chiede di essere riparato. Come lo è Jake, naturalmente, confortante come una pietra calda sul palmo della mano. Certo, quando la signora dell'agenzia immobiliare ha aperto la vetrata sul giardino, un uccello è volato dentro. Una gazza bianca e nera, che ha sbattuto contro le pareti prima di sfrecciare fuori, mandando in frantumi un vaso. Per Marisa, però, quell'apparizione improvvisa ha prodotto soltanto una lieve punta di disagio. Nessun segno infausto può offuscare il suo sogno di vivere con Jake e formare con lui una famiglia. Nei mesi successivi trascorsi in quella casa, la vita si svolge perciò, per la giovane illustratrice, come una vera e propria commedia romantica in cui le basta un semplice sguardo di Jake per capire che quell'uomo, cosí poco espansivo nei gesti e nelle parole, è la persona con cui condividere il resto dei suoi giorni. Finché un mattino arriva Kate, l'inquilina destinata a occupare la stanza di sopra, dato che i soldi non bastano mai.

11 luglio 2022

Recensione "Cinquecento catenelle d'oro" di Salvatore Basile Garzanti

Cinquecento catenelle d'oro * Salvatore Basile * Garzanti * pagg. 192









Le spighe di grano dorato si piegano al soffio del vento. Maria le osserva e pensa che quella terra rappresenta la vita intera della sua famiglia, che la lavora da generazioni. E che, forse, sarà l’unica protagonista del suo futuro. Ma lei vuole di più. Soprattutto ora che ha imparato a leggere, e nuovi orizzonti le si sono schiusi davanti agli occhi. Maria ha confidato il suo segreto solamente al padre, l’unico a condividere i suoi sogni. Così, quando lui è costretto a partire per l’America in cerca di fortuna, Maria si sente persa, e solo le sporadiche lettere che riceve riescono a riportarle il sorriso. Lettere che raccontano di palazzi alti fino al cielo, di fotografie capaci di muoversi, di treni che corrono sullo schermo. La parola cinematografo è troppo difficile da pronunciare, ma contiene una promessa di futuro. Maria vorrebbe condividere la notizia con tutti, e invece finisce per essere additata come una visionaria, una persona da cui stare lontani.

05 luglio 2022

Recensione "Il vento dell'Etna" di Anna Chisari - Garzanti

 


Il vento dell' Etna * Anna Chisari * Garzanti  * pagg. 250





1838. L'Etna nella sua immensità protegge e spaventa, come una madre magnifica ed esigente che forgia vite e destini. Lo sa bene chi vive a Belpasso, il piccolo paese alle sue pendici. È lì che il giovane Puddu apre la sua bottega di calzolaio. La sua firma sulle scarpe è una farfalla, perché con le sue creazioni ai piedi più che camminare si vola. Per questo Puddu non riesce a capire come mai gli affari vadano così male. Tutto cambia quando le sue calzature finiscono tra le mani della Baronessa di Bridport in visita alle sue terre a Bronte. La nobildonna non ha mai calzato nulla di tanto soffice ed elegante, perciò decide di fare un regalo a Puddu: lo nomina Baronetto. Nasce così la dinastia dei Baruneddu, come si faranno chiamare. Il negozio con gli anni diventa un grande calzaturificio che esporta in tutta Europa. Ma se i soldi non sono più un problema, il cuore comincia a diventarlo. Perché alla maledizione della vecchia Gnu Ranna nessuno può sfuggire.

04 luglio 2022

Recensione "Le madri non dormono mai" di Lorenzo Marone - Einaudi



Le madri non dormono mai * Lorenzo Marone * Einaudi * pagg. 352








 




Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha piú importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lí, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella nella dolce Melina, che trascorre il tempo riportando su un quaderno le «parole belle»; guardie e volontari gli vogliono bene; migliora addirittura il proprio aspetto. Anche l'indomabile Miriam si accorge con commozione dei cambiamenti del figlio e, trascinata dal suo entusiasmo, si apre a lui e all'umanità sconfitta che la circonda. Diego, però, non ha l'età per rimanere a lungo nell'Icam, deve tornare fuori. E nel quartiere essere piú forte, piú pronto, potrebbe non bastare.

22 giugno 2022

Recensione "Il morso della vipera" di Alice Basso - Garzanti

 



Il morso della vipera * Alice Basso * Garzanti * pagg. 320











Il suono metallico dei tasti risuona nella stanza. Seduta alla sua scrivania, Anita batte a macchina le storie della popolare rivista Saturnalia: racconti gialli americani, in cui detective dai lunghi cappotti, tra una sparatoria e l'altra, hanno sempre un bicchiere di whisky tra le mani. Nulla di più lontano dal suo mondo. Eppure le pagine di Hammett e Chandler, tradotte dall'affascinante scrittore Sebastiano Satta Ascona, le stanno facendo scoprire il potere delle parole. Anita ha sempre diffidato dei giornali e anche dei libri, che da anni ormai non fanno che compiacere il regime. Ma queste sono storie nuove, diverse, piene di verità.

20 giugno 2022

RECENSIONE "Chi ama, odia" di Silvina Ocampo e Adolfo Bioy Caseres

Chi ama, odia * Silvina Ocampo & Adolfo Bioy Casares * Sur * pagg. 157

 






«Chi ama, odia» è l'unico romanzo scritto a quattro mani da due figure imprescindibili nel panorama letterario argentino: Adolfo Bioy Casares e Silvina Ocampo. Una coppia al tempo stesso glamour e tormentata, una sorta di Scott e Zelda Fitzgerald latinoamericani, che ha dato forma alla scena letteraria di Buenos Aires dagli anni Trenta in poi. Una giovane traduttrice di romanzi gialli viene trovata morta nell'Hotel Central di una località di villeggiatura, Bosque del Mar, mentre l'albergo è completamente isolato a causa di una tempesta di sabbia.

12 giugno 2022

RECENSIONE "Te ne dovevi andare" di Daniel Kehlmann - Feltrinelli

 

Te ne dovevi andare * Daniel Kehlmann * Feltrinelli editore * pagg. 96






Uno sceneggiatore si ritira insieme alla moglie attrice e alla figlia di quattro anni in una casa isolata tra le montagne per scrivere il seguito del suo film di maggior successo. Il paesaggio è da cartolina: il minuscolo paese in fondo alla valle, la strada stretta e piena di tornanti, i ghiacciai quasi azzurri nell'aria frizzante di dicembre. Ma l'idillio è solo apparente. C'è qualcosa che non va. Mentre la moglie manda sms e la figlia fantastica nel suo mondo di bambina, la casa si trasforma in un puzzle di Escher a cui manca l'ultimo pezzo. Fra strani rumori improvvisi, oggetti che spariscono, vetri di finestre che non riflettono più la sua immagine, il protagonista diventa il doppio di se stesso, e nella progressiva perdita di riferimenti la scrittura è l'unico appiglio per mantenere il contatto con la realtà. Ancora una volta però nulla è come sembra, e gli elementi classici del racconto dell'orrore si riassestano in un gioco raffinato tra le percezioni del protagonista e la fantasia del lettore. L'orrore è davvero nella casa o all'interno delle relazioni personali?

Recensione "Vecchie conoscenze" di Antonio Manzini - Sellerio editore Palermo

 


Vecchie conoscenze * Antonio Manzini * Sellerio editore * pagg. 416






Schiavone non ci crede. Tutti gli elementi indicano un solo colpevole: movente, tempi, luogo, tracce materiali e informatiche, psicologia. Ma lui non ci crede a pelle. «L'archeologa, Sara, ha detto che nei miei occhi non vede niente. Di solito è la stessa impressione che ho quando guardo un omicida». E invece negli occhi del sospettato numero uno qualcosa ha visto: «Paura». È morta nel suo appartamento Sofia Martinet, colpita alla testa con un oggetto pesante. Unici indizi una «J» ripetuta nella sua agenda, e una striscia pallida attorno a un dito, segno di un anello sempre portato e rimosso a freddo dal cadavere. Sui settant'anni, una casa piena di libri, di cui parecchi antichità di valore, un nome celebre a livello internazionale nel suo campo accademico, storica dell'arte specialista in Leonardo da Vinci.

30 maggio 2022

Recensione "Le piccole libertà" di Lorenza Gentile - Feltrinelli

 

Le piccole libertà * Lorenza Gentile * Feltrinelli * pagg. 256








Oliva ha trent'anni, una passione segreta per gli snack orientali e l'abitudine di imitare Rossella O'Hara quando è certa di non essere vista. Di lei gli altri sanno solo che ha un lavoro precario, abita con i genitori e sta per sposare Bernardo, il sogno di ogni madre. Nessuno immagina che soffra di insonnia e di tachicardia, e che a volte senta dentro un vuoto incolmabile. Fa parte della vita, le assicura la psicologa, e d'altronde la vita è come il mare: basta imparare a tenersi in equilibrio sulla tavola da surf. Ma ecco arrivare l'onda anomala che rischia di travolgerla. Dopo anni di silenzio, la carismatica ed eccentrica zia Vivienne – che le ha trasmesso l'amore per il teatro e la pâtisserie – le invia un biglietto per Parigi, dove la aspetta per questioni urgenti. Oliva decide di partire senza immaginare che Vivienne non si presenterà all'appuntamento e che mettersi sulle sue tracce significherà essere accolta dalla sgangherata comunità bohémienne che fa base in una delle più famose librerie parigine, Shakespeare and Company. Unica regola: aiutare un po' tra gli scaffali e leggere un libro al giorno. Mentre la zia continua a negarsi, Oliva capisce che può esserci un modo di stare al mondo molto diverso da quello a cui è abituata, più complicato ma anche più semplice, dove è possibile inseguire un sogno o un fenicottero, o bere vino sulla Senna con un clochard filosofo. Dove si abbraccia la vita invece di tenersene a distanza, anche quando fa male. E allora, continuare a cercare l'inafferrabile Vivienne o cedere al proprio senso del dovere e tornare a casa? E soprattutto: restare fedele a ciò che gli altri si aspettano da lei o a se stessa? Quando tante piccole libertà finiscono per farne una grande, rinunciarci diventa quasi impossibile.

29 maggio 2022

Recensione di "Carlo è uscito da solo" di Enzo Gianmaria Napolillo - Feltrinelli

 

Carlo è uscito da solo * Enzo Gianmaria Napolillo * Feltrinelli * pagg. 248









Carlo ha trentatré anni e non esce mai da solo. Non rivolge la parola agli sconosciuti e conta tutto: le briciole sul tavolo, le gocce d'acqua sulla finestra, le stelle in cielo. "Una linea retta è una serie infinita di punti", così gli ha detto anni prima la professoressa delle medie, ma non l'ha avvisato che alcune rette possono essere interrotte. Come la linea rassicurante della sua vita, che un giorno è andata in pezzi e da allora non è più stato possibile aggiustarla. Per questo ora Carlo si circonda di abitudini e di persone fidate: ha costruito un muro tra lui e il mondo esterno. Finché, una mattina, incontra Leda, la nuova ragazza del bar dove fa sempre colazione con il padre, ed è lei a creare una crepa nel muro, a ridargli un raggio di speranza. Nelle loro durezze, nei loro spigoli, riconoscono il reciproco dolore, stringono una tacita alleanza e cercano la forza per affrontare i ricordi e lasciarsi andare. Il racconto di un ragazzo e una ragazza danneggiati dalla vita, la storia tenace di un uomo che non si arrende e di una donna che potrebbe aiutarlo a rinascere, a darsi una possibilità. A uscire da solo, per non essere più solo.





La storia di Carlo ci viene presentata su due linee temporali che agli occhi del lettore si palesano come due entità tra loro strettamente interconnesse. I flashback che ci riportano nel passato di Carlo sono essenziali per comprendere la natura del presente. 

Recensione "L'assassinio di Florence Nightingale Shore" di Jessica Fellowes - Neri Pozza

 

L'assassinio di Florence Nightingale Shore * Jessica Fellowes * Neri Pozza * pagg.432








È il 1919 e Louisa Cannon sogna di sfuggire a una vita di povertà e, soprattutto, all’opprimente e pericoloso zio, che vorrebbe sanare i propri debiti «offrendo» la nipote a uomini di dubbia reputazione. La salvezza di Louisa è un posto di lavoro presso la famiglia Mitford ad Asthall Manor, nella campagna dell’Oxfordshire. Dopo diverse peripezie Louisa riesce a farsi assumere. Diventerà istitutrice, chaperon e confidente delle sei sorelle Mitford, specialmente della sedicenne Nancy - una giovane donna intelligente e curiosa con un talento particolare per le storie. Ma quando un’infermiera - Florence Nightingale Shore, figlioccia della sua celebre omonima - viene assassinata in pieno giorno su un treno in corsa, Louisa e Nancy si troveranno per caso coinvolte nelle indagini del giovane e timidissimo Guy Sullivan, agente della polizia ferroviaria di Londra, Brighton & South Coast e nei progetti criminali di un assassino che farà di tutto per mantenere segreta la propria identità… Basato sul vero omicidio, rimasto irrisolto, di Florence Nightingale Shore, questo è il primo romanzo di una serie di gialli intitolata I delitti Mitford, ambientata negli anni Venti e Trenta con protagoniste le sei «leggendarie» sorelle Mitford.




Ciò che mia ha portato a comprare tempo fa questo libro è stata la presenza della famiglia Mitford, realmente esistita. 

Ho trovato originale e interessante l'idea dell'autrice di unire questo elemento ad un altro reale avvenimento: l'assassinio di Florence Nightingale Shore.

Le sorelle Mitford erano figure molto note nel XX secolo, tanto da essere oggetto di caricatura da parte del Times ed identificate come "Diana la fascista, Jessica la comunista, Unity l'amante di Hitler, Nancy la romanziera, Deborah la duchessa e Pamela la discreta esperta di pollame".

Le loro vite non sono passate affatto inosservate e, seppur divise tra loro, rimasero in contatto grazie ad un intenso scambio epistolare.

04 maggio 2022

RECENSIONE "TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO" di Marco Marsullo - Feltrinelli

 




TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO * Marco Marsullo * Feltrinelli editore  * pagg. 256








Chi l'ha detto che, dopo i trent'anni, gli uomini non hanno paura di restare single? E che l'orologio biologico esiste solo per le donne? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee confuse sull'amore. Tanto romantico quanto cervellotico, si nasconde dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un passato di storie sbagliate, incontri surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, mentre i suoi amici sembrano aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l'ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene della sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le ragazze, eppure sempre più spesso la notte torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l'invito con un + 1 che campeggia beffardo accanto al suo nome, Cesare decide di raccogliere la sfida: ha sei mesi per arrivare al ricevimento con una fidanzata. Ma come trovare finalmente la persona giusta? Marco Marsullo si fa portavoce della sua generazione e racconta le relazioni dal punto di vista dei maschi: le loro speranze, i loro desideri, ma anche le ombre, le fatiche, la paura di fallire. Rifuggendo dalle ipocrisie e dal lamento, costruisce un romanzo lucido e ironico, profondamente attuale. Uno spaccato tragicomico sull'affanno – e la meraviglia – di innamorarsi davvero.

22 aprile 2022

RECENSIONE "LE LETTERE DI ESTHER" di Cécile Pivot - Rizzoli

 

Le lettere di Esther * Cécile Pivot * Rizzoli * pagg. 288










È per colmare la nostalgia che Esther, libraia di Lille, decide di organizzare un laboratorio di scrittura epistolare. Per lei, che con il padre ha intrattenuto una corrispondenza durata vent'anni, è come riportare in vita un rituale antico: accantonare per un po' l'immediatezza delle mail e l'infinita catena di messaggi WhatsApp che ogni giorno ci scambiamo, per sedersi a un tavolo, prendere carta e penna, darsi tempo, nel silenzio di una stanza tutta per noi, e raccontarsi. Trovare le parole giuste per qualcuno che ci leggerà, non ora e nemmeno domani. E riassaporare il gusto perduto di una comunicazione più ricca, più sensata. “Da che cosa ti difendi?” è la prima, spiazzante domanda di Esther per i cinque sconosciuti che, rispondendo al suo annuncio, hanno scelto di mettersi in gioco. Attraverso piccoli quadri della loro vita quotidiana e l'intenso scambio epistolare si delineerà poco per volta il ritratto di una classe eterogenea e sorprendente: Samuel, il più giovane, che non riesce a piangere per la morte del fratello; Jeanne, ex insegnante di pianoforte, vedova, che si difende dalla solitudine accudendo animali maltrattati; Jean, un uomo d'affari disilluso che vive per il lavoro e ha perso contatto con le gioie più autentiche; Nicolas e Juliette, una coppia in crisi sulla quale il passato getta ombre soffocanti. Esponendo dubbi e debolezze all'ascolto e alle domande, la scrittura sarà, per loro, lo strumento per rivelarsi l'uno all'altro con sincerità, alleggerendo il cuore. Intriso di tenerezza e umanità, Le lettere di Esther è un elogio alla lentezza, una celebrazione della forza delle parole, un resoconto travolgente delle fragilità umane.

18 aprile 2022

RECENSIONE "IL FILO AVVELENATO" di Laura Purcell - Mondadori

IL FILO AVVELENATO * Laura Purcell * Mondadori * pagg. 420

Gran Bretagna, prima metà dell'ottocento. Dorothea Truelove è giovane, bella e ricca. Ruth Butterham è giovane, ma povera e consumata da un segreto oscuro e terribile. Un segreto che rischia di condurla alla forca. I loro destini si incrociano alla Oakgate Prison, dove Ruth è rinchiusa in attesa di processo per omicidio e dove Dorothea si dedica ad attività caritatevoli; soprattutto, qui la ragazza trova il luogo ideale per mettere alla prova le neonate teorie della frenologia – secondo cui la forma del cranio di una persona spiega i suoi peggiori crimini – che tanto la appassionano. L'incontro con Ruth fa però sorgere in lei nuovi dubbi, che nessuna scienza è in grado di risolvere: è davvero possibile uccidere una persona usando solo ago e filo? La storia che la prigioniera ha da raccontare – una storia di amarezze e tradimenti, di abiti belli da morire – scuoterà la fede di Dorothea nella razionalità e nel potere della redenzione.

02 aprile 2022

RECENSIONE LA SALITA DEI GIGANTI

 

LA SALITA DEI GIGANTI. La saga dei Menabrea  * Francesco Casolo * Feltrinelli editore * pagg. 416  




La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non le sue sorelle, ad accompagnarlo in montagna? E perché, raggiunta la vetta, al cospetto dei Giganti del Monte Rosa, ha tanto voluto che lei, a soli sei anni, assaggiasse la birra?


Fra amori, gelosie, gloria e cadute – e un destino che, come una valanga, colpisce sempre nello stesso punto –, solo più tardi Genia intuirà quello che suo padre non aveva osato dirle: quel sorso di birra era un rito iniziatico. È lei la prescelta, l’erede designata per portare avanti la tradizione di famiglia, anche se nessuno vuole fare affari con una donna. Per riuscirci Genia dovrà, con l’aiuto della madre, diventare un Gigante, come suo padre e suo nonno e come le montagne ai piedi delle quali sono cresciuti tutti loro.


Grazie a un accurato lavoro di ricerca, Francesco Casolo ha costruito un’appassionante saga familiare, epica e intima al tempo stesso, in cui le donne si ritagliano il proprio spazio nella storia con determinazione e coraggio.


🌟🌟🌟🌟🌟


Fine '800.

Il cinema inizia a fare la sua comparsa insieme al telefono così come la lampadina elettrica .

In un contesto di cambiamenti importanti frutto anche dello sprint dato da una rivoluzione industriale che si era chiusa relativamente da poco, vediamo tessere le fila di una famiglia che si muove tra Gressoney e Biella, definita la Manchester italiana per l'importante industria tessile in essa insediata.

La famiglia è quella dei Menabrea.

Anch'essa come molte altre della zona commerciava lana e prodotti artigianali fino a quando Giuseppe Menabrea vide nella produzione della birra, un'occasione per crescere economicamente. 

Da questa visione prospettica nascerà la fortuna dei Menabrea grazie alla consegna poi, delle redini nelle mani di Carlo, figlio di Giuseppe. 

Francesco Casolo, l'autore, si ritrova in mano diari e lettere della secondogenita, Eugenia, detta Genia. Dai suoi occhi assisteremo all'ascesa della famiglia, grazie ad un lavoro accurato e studio approfondito dello scrittore. 

La scrittura fluida, semplice ci narra della vita dei Menabrea e in particolare di Genia, ricca di amore per la famiglia, per la propria terra e per le proprie radici.

Genia, bambina, ragazza e poi donna che ai primi interrogativi sul suo destino, vedrà seguire scenari con orizzonti sempre più definiti.

La sua vita  e dei suoi cari sarà costellata da eventi spiacevoli, ma sono proprio questi ad aver fatto diventare forte i Menabrea. Così forti, ma mai chiusi ai cambiamenti e non solo per opportunità economiche. Anzi, Casolo sottolinea come l'apertura al mondo e all'innovazione era dettata anche dalla voglia di far gustare ai propri cari, ai concittadini, una bevanda che avesse fatto brillare gli occhi per il suo gusto unico.

Anche il loro notevole contributo allo sviluppo delle vie di comunicazione tra Svizzera e Italia non è stato solo frutto di una ricerca di accessi più facili per commerciare. Alla base c'era sempre un obiettivo: vedere avvicinare cuori lontani. Ho apprezzato il non omettere, da parte di Casolo, i difetti di Genia depurandola così da un'eccessiva connotazione di donna perfetta che stava assumendo nella storia. 

Certo è che da sempre, in qualsiasi sua espressione si avverte quel profondo legame indissolubile con il padre Carlo, suo grande e unico punti di riferimento.

Con il proseguire della lettura capiremo che i Giganti non sono solo le vette del Monte Rosa. I Giganti sono coloro i quali non si fermano al presente, non si fanno carico del passato che diventa zavorra, ma lo trasformano in fondamenta su cui costruire il futuro. 

Una storia che, per la sua natura intrinseca e per la scrittura con cui è stata narrata si presta, secondo me, alla trasposizione su pellicola. 

17 marzo 2022

RECENSIONE AH L' AMORE L' AMORE

AH L' AMORE L' AMORE * Antonio Manzini * Sellerio editore * pagg. 335



 Nell’ultima pagina di Rien ne va plus abbiamo lasciato Rocco Schiavone ferito in un lago di sangue. Ora è in ospedale dopo l’intervento di nefroctomia che ha subito, la stessa operazione che ha portato alla morte uno dei ricoverati del reparto, a quanto pare a causa di un errore di trasfusione. Così costretto all’immobilità, di malumore, Rocco comincia ad interessarsi a quel decesso in sala operatoria che ha tutta l’aria di essere l’ennesimo episodio di malasanità. Ma fa presto a capire che non può trattarsi di un errore umano anche perché si è fatto spiegare bene dal primario Filippo Negri le procedure in casi del genere. Per andare a fondo della questione sguinzaglia dal suo letto tutta la squadra, e segue l’andamento delle indagini, a partire dalle informazioni sul morto, Renato Sirchia, un facoltoso imprenditore di salumi della zona, casa sfarzosa, abitudini da ricco, gran lavoratore. Dietro il lusso però si cela una realtà economica disastrosa, la fabbrica è piena di debiti e salta anche fuori una consistente assicurazione sulla vita. Rocco non riesce a stare a guardare e uscito di nascosto dall’ospedale incontra la moglie e il figlio di Sirchia, Lorenzo, fresco di studi aziendali e con idee di conduzione assai diverse da quelle del padre. Le cose però non sono così semplici come appaiono e Schiavone non si fa incantare dalla soluzione più facile. Attorno a lui, le luci del Natale, i neon del reparto (non si sa quali lo deprimano di più), i panettoncini, unico cibo commestibile, gli infermieri comprensivi, il vicino di letto intollerabile e soprattutto i suoi che vanno e vengono incessantemente, lo coprono nelle sue fughe, lo assecondano e non aspettano altro che il vicequestore ritorni in servizio. Soprattutto Antonio Scipioni, che sta sostituendo Rocco ma che è alle prese con situazioni amorose da commedia degli equivoci, le tre donne con cui ha intrecciato relazioni amorose e che era riuscito a non fare mai incontrare, ora rischiano di ritrovarsi tutte e tre ad Aosta. L’unico a potergli dispensare dei consigli è proprio Schiavone.


🌟🌟🌟☆

Eravamo rimasti col fiato sospeso alla fine del precedente romanzo. Schiavone era stato colpito al rene durante un conflitto a fuoco e, all'inizio del libro, lo ritroviamo in ospedale a riprendersi dopo una delicata operazione. Il palcoscenico si sposta quindi tra le stanze e i corridoi (anche quelli sotterranei che odorano di muffa). 

Ebbene sì, perché dinanzi ad una morte sospetta che vede coinvolto il dottore che gli ha salvato la vita, Schiavone deve agire. Nessuna inchiesta gli viene ufficialmente assegnata, ma lui non sa stare fermo e non per un senso di giustizia. A lui non piace essere preso in giro. Tutto qui. E se il vicequestore non potrà andare in questura, sarà la questura ad andare da lui.

Le indagini si volgeranno grazie al prezioso ausilio della sua squadra che, tra una mano di poker e un pane da sfornare, tra la gestione di un rapporto a tre e una dichiarazione d'amore che non vuole manifestarsi, eseguirà gli ordini impartiti da Schiavone. 

Il periodo è quello natalizio. Capodanno si avvicina e la solita domanda "Cosa fai l'ultimo dell'anno?" occupa tempi e menti dei vari attori, ma per il vicequestore è uno degli elementi inseriti in quella famosa lista denominata "Rottura dei coglioni".

Manzini non ci risparmia nulla di ciò che ha sempre caratterizzato i precedenti romanzi della serie: ritroviamo l'ironia e il sarcasmo di Rocco che, neanche dinanzi al dolore fisico suo e altrui, risparmia i lavaggi di testa e battute mirate a silenziare parole proferite inutilmente. 

Ritroviamo la sua malinconia travestita da idiosincrasia verso la terra che ormai da anni si vede calpestata dalle sue Clarks.

In questo romanzo più che negli altri ho percepito una preponderanza delle storie personali delle varie pedine che si muovono su una scacchiera di sentimenti oppressi e compressi nell'animo. 

L'indagine, seppur approfondita, ha avuto una valenza minore rispetto allo sviluppo narrativo delle vicende extra lavorative. Non considero questo aspetto un difetto, ma una pausa o una boccata d'aria per sviscerare caratteri e caratteristiche di coloro i quali hanno contribuito alla formazione dell'identità originale di Schiavone. 

E la chiave di lettura di "Ah l' amore l' amore" Schiavone l'affida ancora, in maniera impeccabile,  a Marina, moglie del vicequestore, o meglio al suo spirito, e al suo amore per l'etimologia. Questa volta ci farà conoscere la parola EUPEPTICO, inteso come qualcosa  che libera da un peso. E qui, un po' tutti si libereranno da zavorre che da tempo appesantiscono vite , impedendo loro di volare per andare oltre le nuvole, la pioggia, la neve di Aosta. 

'

15 marzo 2022

RECENSIONE CONSOLAZIONE

CONSOLAZIONE * Michele orti Manara * Rizzoli editore * pagg. 272


 



In principio fu il Brivido, un violento terremoto che all'inizio del secolo scorso fece crollare la montagna e risorgere la creatura che vi era stata imprigionata molto tempo prima. Cinquant'anni dopo, il piccolo paese di Roccasa vive ancora nell'ombra di quella maledizione, che scatena terribili pulsioni negli uomini e ha ridotto le donne a una dolente rassegnazione. A combatterla è rimasta la sola stirpe delle sarachìe, che tramandano di madre in figlia il segreto per consolare e guarire le compaesane. La piccola Teresa è una di loro, e presto dovrà abbandonare l'infanzia per abbracciare il suo destino. Michele Orti Manara compone in queste pagine un intreccio avvolgente, in cui convivono religione e folklore, romanzo di formazione e favola dark, echi del passato e temi attuali. Una storia spietata in cui nessuno, proprio nessuno, può dirsi al sicuro.


🌟🌟🌟🌟


Roccasa è un paesino di poche anime dominato dallo sguardo del Monte Severo.

Una comunità chiusa, diffidente, che non ama stringere legami con chi, in quella comunità non vi è nato.

"Roccasa è come racchiusa in un bozzolo, delicato ed elastico insieme e che, tentare di violarlo, da dentro o da fuori non fa differenza, è una pessima idea."

Il monte Severo non è l'unico a dominare il paese. Vi è una maledizione che, come una cupola trasparente chiude Roccasa, isolandola dal resto del mondo e che ha radici in un evento risalente all'inizio del '900: un terremoto che ha fatto crollare la montagna. Gli uomini adulti, all'imbrunire, iniziano a diventare violenti mentre le donne manifestano una supina accettazione.

Attorno a questi eventi, si definisce nel corso del tempo, una figura, la sarachia (termine inventato dall'autore) che mira a sollevare le donne dalle conseguenze delle aggressioni subite. "Una figura a metà strada tra strega e sacerdotessa e risalente a culti che nessuno celebra da mezzo secolo".

Michele Orti Manara ci fa conoscere questo culto presentandoci Nives e Teresa, sua figlia, appartenenti rispettivamente alla terza e quarta generazione di queste donne arrivate a perfezionare la liturgia della "Consolazione" con tentativi consumati nel tempo. 

Se dal punto di vista spaziale la storia si sviluppa in unico luogo, dal punto di vista temporale ci troviamo dinanzi a degli sfasamenti temporali che jirano a far comprendere meglio la natura, le radici della maledizione e dei riti ancestrali posti per arginare i suoi effetti deleteri. 

La penna dell'autore è una di quelle che attira e coinvolge. È una scrittura sensoriale con quell'odore di bruciato, di bosco, che aleggia perennemente nell'aria di Roccasa, ma scorrendo le righe si respira anche paura. Paura di un tempo, di un luogo da cui sembra di non poter uscire più: "A Teresa sembra di vivere in un eterno presente e che la sostanza delle cose non muti mai".

Per quel forte rapporto che lega tra loro gli abitanti di Roccasa il romanzo può essere definito corale: "Sono tutti pezzi di una diga, che serve a tenere a freno qualcosa che altrimenti ci potrebbe distruggere".

Il romanzo è una lotta tra forze contrapposte, religione e folklore, maledizioni da far rimanere sotto terra e desiderio di far emergere la verità con la conquista della libertà. Quest'ultima dicotomia è rappresentata anche da quelli che sono i luoghi dove si raduna la gente di Roccasa: il campanile e il pozzo. 

Due simboli fondamentali nelle vicende del paesino. 

Mi sarebbe piaciuto un finale più sviluppato, mi è sembrato un po' frettoloso,. Avrei apprezzato un approfondimento sulla trasformazione di Teresa.  A parte ciò, il romanzo è consigliato perché con la sua prosa molto olfattiva e concreta allo stesso tempo, legata alla terra, alla natura, all'ambiente, alla storia, al passato, ci troviamo a leggere di temi purtroppo, più attuali che mai. 


01 marzo 2022

RECENSIONE GIUDITTA E IL MONSÙ

 

GIUDITTA E IL MONSÙ * Costanza DiQuattro * Baldini & Castoldi * pagg. 224


Ibla, 1884. A Palazzo Chiaramonte, una notte di maggio porta con sé due nascite anziché una soltanto. Fortunato, abbandonato davanti al portone, e Giuditta, l'ultima fimmina di quattro sorelle. Figlia del marchese Romualdo, tutto silenzi, assenze e donne che non si contano più, e di sua moglie Ottavia, dall'aria patibolare e la flemma altera, è proprio lei a segnare l'inizio di questa storia. Lambendo cortili assolati e stanze in penombra, cucine vissute ed estati indolenti, ricette tramandate e passioni ostinate, il romanzo si spinge fin dove il secolo volge, quando i genitori invecchiano e le picciridde crescono. C'è chi va in sposa a un parente e chi a Gesù Cristo, ma c'è pure chi l'amore, di quello che soffia sui cuori giovani, lo troverà lì dov'è sempre stato: a casa. Dopo Donnafugata, Costanza DiQuattro invita a sfogliare un nuovo album di famiglia, fatto di segreti inconfessabili, redenzioni agrodolci, e tanta, infinita dolcezza.



🌟🌟🌟🌟🌟


Un'altra femmina. La quarta.

Marchese Romualdo ormai vede già il titolo nobiliare passare nelle mani di suo fratello.

Quella stessa notte arriva un maschio, ma abbandonato davanti al portone della villa del marchese il quale non ci pensa un  attimo ad affidarlo a don Nicola, il monsù di casa e sua moglie, donna Marianna.

Il suo nome sarà Fortunato ed è sempre Romualdo a sceglierlo.

La storia si sviluppa su una sola linea spazio temporale, che va da Ibla, quartiere più antico della città di Ragusa a Poggiogrosso dove la famiglia trascorre il periodo estivo, coprendo trent'anni, dalla fine del 1800 al 1915.

L'educazione delle figlie del marchese è affidata al canonico LoPresti il quale individua subito le inclinazioni delle ragazze:

- Amalia, predisposta per le scienze umanistiche;

- Rosalia, portata per la matematica, con un pizzico di pepe nel carattere che la porta a rispondere in maniera pungente a chi la contraddice;

- Aida: amante delle Sacre Scritture e per la quale il canonico prevede una vocazione alla vita religiosa;

- Giuditta: non ama studiare. Appena può si rintana in cucina impressionando per la sua capacità di non turbarsi neanche dinanzi ad un maiale scuoiato. 

Queste indicazioni vengono riportate dal canonico a Oscenza (appellativo dato a persone dotte, sapienti o grandi proprietari terrieri, baroni), ma non dà peso a nessuna di esse. D'altronde il destino di ciascuna figlia è già deciso e niente per il marchese potrà cambiarlo. Lui, per lo più austero, sorprende con quelle piccole pause di serenità che danno luogo a battute inaspettate. 

Così, presi dalla vita che scorre sotto un sole che spacca le pietre e lascia poco respiro e inverni mai rigidi, Giuditta vive una vita parallela, in un mondo solo suo: la cucina. Qui il monsù, "appellativo dato anticamente ai cuochi professionisti, condivide con lei ricette e ingredienti segreti. I suoi occhi sono quelli di un'innamorata, pronta a danzare con ogni ingrediente, a sfiorare quelli più delicati e a manovrare con passione quelli più grezzi. 

Il mondo esterno non esiste. 

Solo lei, l'arte della cucina e Fortunato, destinato a vivere tra i fornelli perché il monsù è don Nicola. La serenità di Giuditta incomincia ad essere scalfita quando si prospetta il matrimonio di Amalia, la sua sicurezza.

"Per l'ennesima volta, dentro quella stanza che le aveva viste crescere mano nella mano, Amalia aveva sollevato Giuditta dalle sue insicurezze, da quella feroce paura che ti assale quando d'un tratto scopri che nulla resta identico a se stesso ma tutto muta in un continuo divenire che smonta i paini e cancella le speranze."

Si riprenderà quando vedrà accendersi la speranza di coltivare il suo amore per la cucina grazie all'incarico di monsù che verrà dato a Fofò, perché il padre, ormai stanco, non ce  la farà più.

Inizia così una condivisione tra colei che i libri  non ama e colui che vuole leggere e studiare.

Quei muri che fino ad allora avevano visto due bambini che coltivavano una passione ed un'amicizia, ora vedono due adulti che hanno occhi che luccicano, mani che si intrecciano mentre impastano. La cucina diventa teatro di "condivisione di sogni e di speranze".

Costanza DiQuattro ci serve questa intimità in un cesto che l'accoglie e l'avvolge in una bambagia di delicatezza. Con la sua carezza l'autrice seduce e coinvolge. 

Le sue descrizioni, dei personaggi e degli ambienti, sono sempre ricche di particolari, ma mai sovrabbondanti, pesanti. Sono leggere, fresche, profumate come un velo di borotalco sulla pelle. La costruzione dei personaggi è completa così da rendere evidenti i ruoli: protagonisti, coprotagonisti e figure secondarie.

L'uso della lingua, con l'espressioni siciliane, il dialetto tipico, non è mai motivo di incomprensione: viene calato all'interno della trama in modo da comprendere con facilità il significato e spingendo alla ricerca e all'approfondimento dei termini tipici. La sua scrittura sensoriale è in grado di far percepire gli odori dei piatti tipici dell'epoca e del luogo. 

È una storia d'amore, priva di elementi leziosi. È un libro delicato, ma potente che porta a riflettere sul senso sul senso del sacrificio per amore di una verità che non è detto sia sempre giusto svelare.

"Ci sono verità, così dolorose nella vita, che sembrano non appartenere al mondo. Verità che farebbero bene a restare celate nel fondo di un cassetto mai aperto, nei meandri di un animo mai lindo. Verità che non possono essere udite perché il loro suono diventa una campana a morte, un verdetto finale, una condanna eterna".


Loredana